Un mandala da arredamento / 2

Se possedete una piccola cappella nella vostra casa, nella quale vi ritirate in preghiera regolarmente – diciamo almeno una voltaRead more →

March 20, 2014

Battaglie

Ogni uomo che incontri sta combattendo una dura battaglia. Sii gentile con lui. Be kind; everyone you meet is fightingRead more →

January 11, 2014

Ideologie fai da te

Se hai almeno 60 anni e la barba lunga è il tuo momento, fatti avanti! Se hai più di 60 anniRead more →

January 7, 2014

La più bella canzone del mondo

Dopo anni anni spesi o per meglio dire persi a sentire canzoni a cantarle silenziosamente o a squarciagola, ad addormentarmi conRead more →

January 6, 2014

Fiori digitali

I fiori inorganici di Macoto Murayama Se vi piacciono – vanno presi a piccole dosi – qui ce n’è tanti.Read more →

January 5, 2014

La vita secondo Woody Allen

December 28, 2013

5 libri da leggere e 5 da non leggere

Si lo so che le liste vi hanno rotto le scatole ma so anche che non ne riuscite a fareRead more →

December 27, 2013

La solitudine è la vera libertà

December 21, 2013

Back where we began

December 19, 2013

Illustrazioni per un libro ancora da scrivere

Illustrazioni per un libro da scrivere. Io non ne sono capace, se volete scriverlo voi… Tecnica: Olio, acrilico e matitaRead more →

December 12, 2013

Things behind the sun

November 21, 2013

Wanderlust

October 26, 2013

Tutte le donne

Una volta un mio amico mi ha raccontato di tutte le donne che non ha avuto nella vita. Mentre miRead more →

October 25, 2013

Che cosa?

Nicole accese il Rilevatore Individuale di Personalità; nessun segnale, come al solito. Maurice guardò lo strumento, e tutto gli fuRead more →

October 21, 2013

L’inferno (sono le altre)

Una volta un mio amico mi ha raccontato che gli piaceva Bosh, tipo questo qui. Mentre mi raccontava, ho presoRead more →

October 21, 2013

Come ho inventato una nuova rivoluzionaria corrent …

Una volta un mio amico mi ha raccontato la sua gita di un giorno a Venezia. Mentre mi raccontava, hoRead more →

October 21, 2013

Just as you are

October 21, 2013

Esperienze estreme

Una volta sono morto. Mah, pensavo peggio…

October 20, 2013

Enciclopedia, vol. 4

Quarto ed ultimo volume della Nuova Enciclopedia Illustrata Per Ragazzi. Titolo: Enciclopedia, Vol. 4 Tecnica: Olio, pepe in grani, limoneRead more →

October 20, 2013

Enciclopedia, vol. 3

Terzo volume di un’opera in quattro volumi Nuova Enciclopedia Illustrata per Ragazzi. Titolo: Enciclopedia, Vol. 3 Tecnica: Olio, pepe inRead more →

October 20, 2013

Enciclopedia, vol. 2

Secondo volume dell’opera in quattro volumi intitolata Nuova Enciclopedia Illustrata Per Ragazzi. Tecnica: Olio, pepe in grani, limone secco, cavalluccioRead more →

October 20, 2013

Fregatura

Dio è un labirinto di parole, e i risultati si vedono.

October 20, 2013

Enciclopedia, vol. 1

Primo volume di un’opera in quattro volumi intitolata Nuova Enciclopedia Illustrata per Ragazzi. Tecnica: Olio, pepe in grani, limone secco,Read more →

October 20, 2013

Un mandala da arredamento

Non mi dispiace l’idea di fare dei quadri che possano essere usati in casa come oggetti di arredamento senza preteseRead more →

October 20, 2013

Diario supplementare

Qualche mese di vita raccontato come un diario, un supplemento da accoppiare a Diario. Titolo: Diario supplementare Tecnica: Stucco, acrilico,Read more →

October 20, 2013

Diario

Qualche mese di vita raccontato come un diario   Titolo: Diario Tecnica: Stucco, acrilico, olio, inserti in Das su cartaRead more →

close

Un mandala da arredamento / 2

Mandala2_Dettaglio5_Featured

Se possedete una piccola cappella nella vostra casa, nella quale vi ritirate in preghiera regolarmente – diciamo almeno una volta alla settimana – ma vi risulta un po’ spoglia questo elemento di arredo potrà risolvere le vostre esigenze di bellezza armonia e pace interiore. La nostra ditta garantisce la compatibilità del nostro prodotto con tutte le religioni monoteiste, in particolare atonismo, zoroastrismo, ebraismo, cristianesimo, islamismo, sikhismo e bahaismo. Sono documentate ma non certificate compatibilità con animismo, panteismo, neopaganesismo, politeismo moderato e catenoteismo. Se ne sconsiglia l’uso per agnostici. Può risultare fatale per ateisti.
Mandala per ambiente religioso privato

Tecnica: Olio e acrilico con inserti di mosaico e altri materiali su tavola
Dimensioni: cm 100×100
Data: 2014

Clicca sulle immagini qui di seguito per vedere i particolari in alta risoluzione del quadro.Mandala2_Dettaglio7 Mandala2_Dettaglio6Mandala2_Dettaglio5 Mandala2_Dettaglio4 Mandala2_Dettaglio3 Mandala2_Dettaglio2 Mandala2_Dettaglio1

Vedi come potrebbe stare nel tuo bel salotto: Mandala2Ambientazione

Forte, no?

close

Battaglie

Ogni uomo che incontri sta combattendo una dura battaglia.
Sii gentile con lui.

Be kind; everyone you meet is fighting a hard battle
Ian Mc Laren, forse

close

Ideologie fai da te

Temp

Se hai almeno 60 anni e la barba lunga è il tuo momento, fatti avanti!

Evoluzione delle idee nella mia vita terrena

Evoluzione delle idee nella mia vita terrena

Se hai più di 60 anni è il tuo momento per fare l’ideologo; altri ci sono riusciti in breve tempo con un grande successo di pubblico! Pensa una grande idea e promuovila sui social network! La vita di milioni di persone potrà dipendere da te! Potrai migliorare il mondo, e contemporaneamente realizzare un grande patrimonio personale!
Leggi le testimonianze di chi ci ha già provato e ci è riuscito!!!!

“Ho iniziato quasi per gioco, ho elaborato una mia personale idea sul plusvalore e tutto ad un tratto mi sono trovato la casella di posta piena di migliaia e migliaia di mail di gente che mi chiedeva come fare per cambiare il capitalismo!!!!!! In breve tempo e qualche libro ho aumentato il mio patrimonio di mille volte e sono dimagrito di 28 kg!!! Certo, la barba conta eccome: guarda cosa è successo a Hitler, Stalin, Mussolini!!!!”
(Karl M., Treviri, Germania)
“Già dal secondo mese la mia pagina di Facebook <Sesso e tabù> aveva più di duemila fans. Dovevo assolutamente soddisfare le loro richieste! Mi è venuta allora questa idea dell’inconscio che ha avuto un grande successo! Certo ho dovuto fare un gran lavoro per costruire un corpus organico ma ne è valsa veramente la pena! Il mio consiglio è di insistere e credere nelle tue capacità! E… fatti crescere la barba!”
(Sigmund F., Vienna)
“Sono stato per anni su un vascello che ha girato mezzo mondo, senza cellulare e senza possibilità di twittare nulla! Ma non è stato tempo perso: ho preso gusto ad osservare e fotografare tutte le specie animali, e avevo sempre questa idea in testa, che ci doveva essere nella natura una legge che ne regolava i comportamenti, doveva esserci una spiegazione a quello che vedevo. Al mio ritorno la spiegazione diventò improvvisamente chiara, ma non avrei mai potuto trovarla se non avessi lasciato passare così tanto tempo! E’ solo il tempo che può invecchiarti come si deve e farti venire una bella barba bianca: a me è servito!!!!”
(Charles D., Londra)

 

 

close

La più bella canzone del mondo

La canzone più bella del mondo

Dopo anni anni spesi o per meglio dire persi a sentire canzoni a cantarle silenziosamente o a squarciagola, ad addormentarmi con la musica in testa e a svegliarmici, a cercare di imparare la musica per scrivere canzoni e poi a trovarmi a scriverne alcune e a comporre e a suonarle per anni e anni in una cantina puzzolente, a vagare intere notti su youtube per scoprire nuove musiche, ascoltare le vecchie, guardare le facce delle persone che cantano che suonano a leggere su di loro a leggere quello che dicono dopo anni e anni passati o per meglio dire persi a cercare gli accordi sulla chitarra a seguire la musica degli altoparlanti al piano a cercare di scrivere dei testi intelligenti ma belli a litigare su quale fosse la musica più bella a cambiare anni dopo anni i gusti a dirmi ah sì però questa non era male anzi era proprio bella dopo anni e anni passati farmi chilometri e chilometri per andare ai concerti e godere di quel mare di luci di facce di suoni e dopo anni e anni passati o per meglio dire persi a disprezzare le musiche banali quelle per i gusti facili quelle per tutti dopo anni passati a recuperare il tempo perso di quando non c’ero non ero ancora nato non avevo capito non lo sapevo dopo anni e anni passati insieme alle persone più care ad ascoltare e riascoltare e fare scoprire le musiche più belle per poi dimenticarmi per anni e anni che c’era la musica perché per anni e anni non c’è stata e forse non c’è e non ci sarà mai la musica bella come piace a me…insomma alla veneranda età di 54 anni senza paura di smentirmi o di cambiare idea io solennemente dichiaro e proclamo che

Sea song, scritta da Robert Wyatt,

è la canzone più bella del mondo

Dal disco “Rock Bottom”

Sea song Canzone del mare
You look different every time you come
from the foam-crested brine
It’s your skin shining softly in the moonlight
Partly fish, parly porpoise, partly baby sperm whale
Am I yours? Are you mine to play with?Joking apart when you’re drunk
You’re terrific when you’re drunk
I like you mostly late at night – you’re quite all right
But I can’t understand the different you
In the morning when it’s time to play
at being human for a while
Please smile!
You’ll be different in the spring, I know
You’re a seasonal beast
Like the starfish that drifted with the tide, with the tide
So until your blood runs to meet the next full moon
Your madness fits in nicely with my own, with my own
Your lunacy fits neatly with my own – my very own
We’re not alone..
Mi sembri diversa ogni volta che arrivi
dalla schiuma salmastra del mare
La tua pelle brilla delicatamente alla luce della luna
in parte pesce, in parte focena in parte cucciolo di balena
Sono tuo? Posso giocare con te?Scherzi a parte quando sei ubriaca
sei fantastica quando sei ubriaca
e mi piaci da morire a notte tarda – sei quasi perfetta
Ma non riesco a capirti quando sei diversa
la mattina quando è ora di giocare
a essere umani per un po’
Per favore sorridi!
Sarai diversa in primavera, lo so
sei una bestia stagionale
come le stelle marine spinte dalla marea, dalla marea
Quindi finché il tuo sangue corre incontro alla prossima luna piena
la tua follia combacia perfettamente con la mia, con la mia
la tua pazzia combacia perfettamente con la mia, la mia
non siamo soli

Versione dal vivo

Robert Wyatt story – in inglese

close

Fiori digitali

murayama_w101

I fiori inorganici di Macoto Murayama

Se vi piacciono – vanno presi a piccole dosi – qui ce n’è tanti.

 

close

5 libri da leggere e 5 da non leggere

galimedicei

Si lo so che le liste vi hanno rotto le scatole ma so anche che non ne riuscite a fare a meno, quindi eccovi la mia personalissima lista incompleta e parziale di consigli e sconsigli da amico:

5 libri da leggere:

  1. Hanno tutti ragione di Paolo Sorrentino, genere: odissea contemporanea sgangherata e neomelodica – divertente e logorroico
  2. Profezia, il racconto nell’ebook Baci scagliati altrove di Sandro Veronesi; si scarica qui - genere: vecchiaia e assistenza anziani sublimata dalla scrittura
  3. Il sogno di volare, di Carlo Lucarelli – genere: noir italiano di grande qualità
  4. La mia vita disegnata male e altro, di Gipi; genere: fumetto letterario poetico
  5. Trilogia della città di K, di Agota Kristof, genere: roba tostissima ma veramente; purtroppo è deprimente, ma fortunatamente abbastanza corto

5 libri da non leggere:

  1. La verità sul caso Harry Quebert, di Joël Dicker – un (misterioso) grande successo dell’estate, noioso e pretenzioso
  2. Il momento è delicato, di Niccolò Ammaniti – Racconti senza uno sprazzo non dico di letteratura ma semplicemente di buona scrittura, oltretutto poveri di idee o di personaggi, che succede Nico’? Chiedo inoltre l’istituzione di un ente certificatore delle quarte di copertina!
  3. Un buon posto per morire, di Tullio Avoledo – da gustarsi la battaglia finale! Letto con lo spirito giusto potreste farvi delle crasse risate
  4. Micro, di Michael Crichton (postumo) – vi consiglio di leggere una riga si e due no così si può arrivare velocemente alla fine senza perdere praticamente nulla
  5. Toni Pagoda e i suoi amici, di Paolo Sorrentino – questa breve sequenza di interviste a personaggi inutilmente famosi si può perdere senza timori

close

La solitudine è la vera libertà

E’ bello incontrare qualcuno, ogni tanto, che ha capito questo semplice concetto, questa pratica di vita: se gli altri sono il nostro “inferno” quotidiano la solitudine ci dà l’estrema libertà. Una libertà di sudore e lacrime.



Se vi piace questa canzone, che io trovo bellissima, il testo e la versione in italiano:

Avec le temps. Col tempo sai
Avec le temps, va, tout s’en va
On oublie le visage et l’on oublie la voix
Le cœur, quand ça bat plus, c’est pas la peine d’aller
Chercher plus loin, faut laisser faire et c’est très bienAvec le temps…
Avec le temps, va, tout s’en va
L’autre qu’on adorait, qu’on cherchait sous la pluie
L’autre qu’on devinait au détour d’un regard
Entre les mots, entre les lignes et sous le fard
D’un serment maquillé qui s’en va faire sa nuit
Avec le temps tout s’évanouitAvec le temps…
Avec le temps, va, tout s’en va
Même les plus chouettes souv’nirs ça t’as une de ces gueules
A la gal’rie j’farfouille dans les rayons d’la mort
Le samedi soir quand la tendresse s’en va toute seuleAvec le temps…
Avec le temps, va, tout s’en va
L’autre à qui l’on croyait pour un rhume, pour un rien
L’autre à qui l’on donnait du vent et des bijoux
Pour qui l’on eût vendu son âme pour quelques sous
Devant quoi l’on s’traînait comme traînent les chiens
Avec le temps, va, tout va bienAvec le temps…
Avec le temps, va, tout s’en va
On oublie les passions et l’on oublie les voix
Qui vous disaient tout bas les mots des pauvres gens
Ne rentre pas trop tard, surtout ne prends pas froidAvec le temps…
Avec le temps, va, tout s’en va
Et l’on se sent blanchi comme un cheval fourbu
Et l’on se sent glacé dans un lit de hasard
Et l’on se sent tout seul peut-être mais peinard
Et l’on se sent floué par les années perdues
Alors vraiment… avec le temps… on n’aime plus
Col tempo sai,col tempo tutto se ne va
Non ricordi più il viso,non ricordi la voce
Quando il cuore ormai tace a che serve cercare
Ti lascio andare,forse meglio così
Col tempo sai,col tempo tutto se ne va
L’altro che adoravi,che cercavi nel buio
L’altro che indovinavi in un batter di ciglia
E tra le frasi e le righe e il fondotinta
Di promesse agghindate per uscire a ballare
Col tempo sai,tutto scompare.Col tempo sai col tempo tutto se ne va
Ogni cosa appassisce e mi scopro a frugare
In vetrine di morti,quando il sabato sera la tenerezza rimane senza compagnia.Col tempo sai,col tempo tutto se ne va
L’altro a cui tu credevi anche un colpo di tosse
L’altro che ricoprivi di gioielli e di vento
Per cui avresti impegnato anche l’anima al monte
A cui ti trascinavi alla pari di un cane
Col tempo sai tutto va bene
Col tempo sai,col tempo tutto se ne va
Non ricordi più il fuoco non ricordi le voci
Della gente da poco e il loro sussurrare
Non ritardare copriti con il freddo che fa.Col tempo sai col tempo tutto se ne va
E ti senti il biancore di un cavallo sfiancato
In un letto straniero ti senti gelato
Solitario ma in fondo in pace col mondo
E ti senti ingannato dagli anni perduti
E allora tu,col tempo sai…non ami più

Devo ringraziare Francesco Bianconi per avermela fatta scoprire:

Sullo stesso tema:

close

Back where we began

Una canzone di John Greaves (testo) e Sofia Domancich (musica)

Lie there love and fear not while love is here
Whisper in my soul “what was part is whole”
Sense cannot admit absence, nothingness

Say this breath goes now
We know not why nor how
It mets and makes no sound
Turns the air to ground

Though I say what I should not
Let you hear
Evidently, there is no season
Mortality, if there’s a reason
We know not what it is

In worlds enough and time
This sadness is no crime
Bend to what is near
Safe from harm and fear
Oh this is a lucky day, anyway

We take our parting of
Sublunary love
Two souls which are one
Parted for too long

Love is born anew in me, in you and me
We come to the end and start all over
The A and the Z of one another
Back where we began

close

Illustrazioni per un libro ancora da scrivere

Tucanocristo - Natura e cultura

Illustrazioni per un libro da scrivere. Io non ne sono capace, se volete scriverlo voi…

Madonna con insetti Tucanocristo - Natura e cultura Madonna con bimbi e amanti
Monna bugs e i suoi coleotteri Tucanocristo – Natura e cultura Amore universale

Tecnica: Olio, acrilico e matita su carta
Dimensioni: cm 23×31 ciascuno
Data: 2013

close

Things behind the sun

John Greaves – con i Post Image – canta una canzone di Nick Drake.

close

Wanderlust

Una canzone di David Sylvian

Help me I feel like I’m weightless
Floating right out of your hands
And there’s only so much I aspire to
Taking one day at a time
And deliverance has many faces
But grace is an aquaintance of mine
Tell me how could it have happened
You know that we’re not the marrying kind.
Travel light, don’t think twice
We’re leaving the shadows behind.
It’s given us, yeah
This wonderful wanderlust.
It’s given us this wonderful wanderlust
It’s given us this wonderful wanderlust
I don’t doubt it, I feel it, yeah
Wanderlust
Wanderlust
Help me, this waterboys wasted
Falling right out of your sky
And there’s nothing that could do without you
Loving the state that I’m in
Between no longer and not yet
On the threshold of some bright affair
The match was struck and I was fired
The embers of a drowning man
Tell me why won’t I listen
Or acknowledge that I don’t understand
Losing light, a selfish kind
And we’re out on the road again.
It’s given us, yeah
This wonderful wonderlust.
It’s given us this wonderful wanderlust
It’s given us this wonderful wanderlust
I don’t doubt it, I feel it, yeah

Turn the headlights on full
I want to take in it all
And let it wash over me
The bridge looks so high
From the ledge that we climbed
But we climbed them so that we could be free
Give me no dreams of what the future brings
I need to know when I have gone too far, oh
Repeated lightening strikes
Up and down the spine
They search us out wherever we go
In a world full of lies
That tug at the truth
I’m taking no sides
Now I recognise you.
Wanderlust
Wanderlust
It’s given us, given us
This wonderful wanderlust
Wonderful, wonderful, wonderful, wonderful
Wander—lust
I don’t doubt it
No

close

Tutte le donne

Fuga_Dettaglio_8_Featured

Una volta un mio amico mi ha raccontato di tutte le donne che non ha avuto nella vita. Mentre mi raccontava, ho preso degli appunti ma i tubetti mi scivolavano dalle mani continuamente. Il risultato: due pantaloni da buttare, e questo quadretto.
Ecco, a proposito, questo mio amico poi ragionava su questo fatto: sono più le donne che non ha avuto che quelle che ha avuto. Incredibile, no? Insomma tutte queste donne e ragazze bellissime che ci guardano dai giornali con i vestiti della festa i capelli della festa le scarpe della festa, insomma a me mettono tristezza. Invidia? Certo. Ma questa cosa di festeggiare per forza, per contratto, per dovere, perché qualcuno ti paga, se lo aspetta…è tutto un vortice di nulla in cui l’unica cosa che conta è far passare il tempo che passa senza che ci faccia troppo male. Ecco, questo quadro potrebbe parlare di questo.

Titolo Tutte le donne
Tecnica: Olio su collage, su tavola
Dimensioni: cm 100×100
Data: 2012

Clicca sulle immagini qui di seguito per vedere i particolari in alta risoluzione del quadro.Fuga_Dettaglio_11 Fuga_Dettaglio_10 Fuga_Dettaglio_9 Fuga_Dettaglio_7 Fuga_Dettaglio_6 Fuga_Dettaglio_5 Fuga_Dettaglio_4 Fuga_Dettaglio_2 Fuga_Dettaglio_1 Fuga_Dettaglio_19 Fuga_Dettaglio_18 Fuga_Dettaglio_16 Fuga_Dettaglio_15 Fuga_Dettaglio_14 Fuga_Dettaglio_13 

Come potrebbe stare nel tuo salotto:

FugaAmbientazioneTi piace? Compralo su Saatchi Online.

 

close

Che cosa?

Nicole accese il Rilevatore Individuale di Personalità; nessun segnale, come al solito. Maurice guardò lo strumento, e tutto gli fu improvvisamente chiaro.

close

L’inferno (sono le altre)

Inferno_Dettaglio_8_Featured

Una volta un mio amico mi ha raccontato che gli piaceva Bosh, tipo questo qui. Mentre mi raccontava, ho preso velocemente appunti. Questo il risultato.
 Inferno

Titolo: L’inferno sono le altre
Tecnica: Olio su collage, su tavola
Dimensioni: cm 100×100
Data: 2012

Clicca sulle immagini qui di seguito per vedere i particolari del quadro.Inferno_Dettaglio_6 Inferno_Dettaglio_5 Inferno_Dettaglio_1 Inferno_Dettaglio_15 Inferno_Dettaglio_14 Inferno_Dettaglio_13 Inferno_Dettaglio_11 Inferno_Dettaglio_10 Inferno_Dettaglio_9 Inferno_Dettaglio_8

close

Come ho inventato una nuova rivoluzionaria corrente artistica

Canali_Dettaglio_27

Una volta un mio amico mi ha raccontato la sua gita di un giorno a Venezia. Mentre mi raccontava, ho preso velocemente questi appunti. Ho così fondato la finta corrente artistica Quasi-live paintings (o “Pittura dal semivivo”), un finto-concetto (Quasi-concept) che predica che l’artista (Quasi-artist) riproduca paesaggi o stati d’animo non visti o vissuti di persona ma attraverso il racconto di una terza persona (Quasi-person). Tutto ciò non è proprio arte, ma quasi (Quasi-art).

Canali_web.

Titolo: Canali
Tecnica: Olio su mosaico di carta su mosaico di tela, con intarsi di carta
Dimensioni: cm 200×100
Data: 2010

Clicca sulle immagini qui di seguito per vedere i particolari del quadro

Canali_Dettaglio_31 Canali_Dettaglio_25

Canali_Dettaglio_08 

close

Just as you are

Una canzone di Robert Wyatt

[Monica Vasconcelos:]
It’s that look in your eyes
Telling me lies
So many promises broken
What can I do?
What should I do?
Try to love you just as you are

‘Cause I’m never going to change a thing about you
Never ever going to change a thing
Try to love you just as you are

Should I leave, should I stay
Should I call it a day
There’s so much to say that’s unspoken
In your way you’ve been true
But all I can do
Try to love you just as you are

‘Cause I’m never going to change a thing
No I’ll never ever change a thing about you
Try to love you just as you are

[Robert Wyatt:]
It’s that look in your eyes
I know you despise me
For not being stronger
What can I do?
What should I do?
I’ve always loved you just as you are

And I never tried to change a thing
Never tried to change a thing about you
Always loved you just as you are

Will you leave, will you stay?
There may come a day
When I’m weak and I’m stupid no longer
In my way I’ve been true
I’ve lived just for you
I’ll always love you just as you are

I never tried to change a thing
Never tried to change a thing about you
Always loved you just as you are

close

Esperienze estreme

Una volta sono morto. Mah, pensavo peggio…

close

Enciclopedia, vol. 4

Enciclopedia_Vol_4_Dettaglio7

Quarto ed ultimo volume della Nuova Enciclopedia Illustrata Per Ragazzi. Enciclopedia_Vol_4

Titolo: Enciclopedia, Vol. 4
Tecnica: Olio, pepe in grani, limone secco, cavalluccio marino essiccato, fiori, bacche, chele di granchio, sezioni di pannocchia di mais senza grani, foglie e biglie su carta su tele
Dimensioni: cm 80×90
Data: 2005

Enciclopedia: Opera completa

Enciclopedia: Opera completa


Clicca sulle immagini qui di seguito per vedere i particolari del quadro.

Enciclopedia_Vol_4_Dettaglio9Enciclopedia_Vol_4_Dettaglio18 Enciclopedia_Vol_4_Dettaglio8Enciclopedia_Vol_4_Dettaglio17  Enciclopedia_Vol_4_Dettaglio4Enciclopedia_Vol_4_Dettaglio13 Enciclopedia_Vol_4_Dettaglio12 Enciclopedia_Vol_4_Dettaglio11 Enciclopedia_Vol_4_Dettaglio7 Enciclopedia_Vol_4_Dettaglio6 Enciclopedia_Vol_4_Dettaglio3 Enciclopedia_Vol_4_Dettaglio2 Enciclopedia_Vol_4_Dettaglio_1
close

Enciclopedia, vol. 3

Enciclopedia_Vol_3_Dettaglio_18_Featured

Terzo volume di un’opera in quattro volumi Nuova Enciclopedia Illustrata per Ragazzi.Enciclopedia_Vol_3

Titolo: Enciclopedia, Vol. 3
Tecnica: Olio, pepe in grani, limone secco, cavalluccio marino essiccato, fiori, bacche, chele di granchio, sezioni di pannocchia di mais senza grani, foglie e biglie su carta su tele
Dimensioni: cm 80×90
Data: 2005
Enciclopedia: Opera completa

Enciclopedia: Opera completa

Clicca sulle immagini qui di seguito per vedere i particolari ingranditi.

      Enciclopedia_Vol_3_Dettaglio_12 Enciclopedia_Vol_3_Dettaglio_11 Enciclopedia_Vol_3_Dettaglio_10 Enciclopedia_Vol_3_Dettaglio_7 Enciclopedia_Vol_3_Dettaglio_6 Enciclopedia_Vol_3_Dettaglio_5 Enciclopedia_Vol_3_Dettaglio_4 Enciclopedia_Vol_3_Dettaglio_3 Enciclopedia_Vol_3_Dettaglio_2 Enciclopedia_Vol_3_Dettaglio_1

close

Enciclopedia, vol. 2

Enciclopedia_Vol_2_Dettaglio_5

Secondo volume dell’opera in quattro volumi intitolata Nuova Enciclopedia Illustrata Per Ragazzi.

Enciclopedia_Vol_2

Tecnica: Olio, pepe in grani, limone secco, cavalluccio marino essiccato, fiori, bacche, chele di granchio, sezioni di pannocchia di mais senza grani, foglie e biglie su carta su tele
Dimensioni: cm 80×90
Data: 2005
Enciclopedia: Opera completa

Enciclopedia: Opera completa

Clicca sulle immagini qui di seguito per vedere i particolari del quadro.

Enciclopedia_Vol_2_Dettaglio_10 Enciclopedia_Vol_2_Dettaglio_1 Enciclopedia_Vol_2_Dettaglio_6 Enciclopedia_Vol_2_Dettaglio_5 Enciclopedia_Vol_2_Dettaglio_4 Enciclopedia_Vol_2_Dettaglio_3 Enciclopedia_Vol_2_Dettaglio_2 Enciclopedia_Vol_2_Dettaglio_8 Enciclopedia_Vol_2_Dettaglio_9 Enciclopedia_Vol_2_Dettaglio_11 Enciclopedia_Vol_2_Dettaglio_12 Enciclopedia_Vol_2_Dettaglio_13

 

close

Fregatura

Dio è un labirinto di parole, e i risultati si vedono.

close

Enciclopedia, vol. 1

Enciclopedia_Vol_1_Dettaglio_5

Primo volume di un’opera in quattro volumi intitolata Nuova Enciclopedia Illustrata per Ragazzi.

Enciclopedia_Vol_1

Tecnica: Olio, pepe in grani, limone secco, cavalluccio marino essiccato, fiori, bacche, chele di granchio, sezioni di pannocchia di mais senza grani, foglie e biglie su carta su tele
Dimensioni: cm 80×90
Data: 2005
Enciclopedia: Opera completa

Enciclopedia: Opera completa

Clicca sulle immagini qui di seguito per vedere i particolari del quadro.
Enciclopedia_Vol_1_Dettaglio_2Enciclopedia_Vol_1_Dettaglio_9 Enciclopedia_Vol_1_Dettaglio_8 Enciclopedia_Vol_1_Dettaglio_7 Enciclopedia_Vol_1_Dettaglio_6 Enciclopedia_Vol_1_Dettaglio_5 Enciclopedia_Vol_1_Dettaglio_4 Enciclopedia_Vol_1_Dettaglio_11 Enciclopedia_Vol_1_Dettaglio_10 Enciclopedia_Vol_1_Dettaglio_3 Enciclopedia_Vol_1_Dettaglio_

 

close

Un mandala da arredamento

Mandala_1_Dettaglio_6_Featured

Non mi dispiace l’idea di fare dei quadri che possano essere usati in casa come oggetti di arredamento senza pretese artistiche. Questo rappresenta un mandala.
Va bene con tutto, legno chiaro, legno scuro, arredamento moderno laccato bianco o antico massello noce; un classico per la casa alla moda della massaia contemporanea che lavora e concilia amore e dovere.

Mandala_1

Tecnica: Olio e acrilico con inserti di carta su tavola
Dimensioni: cm 100×100
Data: 2013

 

Come l’ho fatto

Questo quadro è stato realizzato a partire da un disegno – trovato su Google Images – molto semplice, nero su bianco. L’ho quindi stampato, utilizzando un programma che permette di creare dei poster di grandezza a piacere utilizzando fogli a4 (prima usavo Posterazor, ora Easy Poster Printer). Ho quindi incollato i fogli sulla tavola, ricostruendo il disegno. Visto che la mia – come la quasi totalità delle stampanti – lascia dei bordi nella stampa, i fogli vanno ritagliati (Easy Poster almeno mette i segni di taglio). Le dimensioni inoltre non sono sempre perfette, e i fogli vanno opportunamente centrati. Insomma, questa fase di preparazione è abbastanza impegnativa per far combaciare il tutto, e centrare rispetto alla tavola. Lavoro di solito con molta acqua, bagnando completamente il foglio prima di stendere la colla, sempre molto diluita, in modo da poter avere modo di muovere il foglio sulla tavola, cercando la migliore posizione assoluta ma anche il miglior modo per combaciare con i fogli limitrofi. In questa fase bisogna dosare con attenzione l’acqua in modo da non curvare la tavola. In caso la tavola si curvi è però possibile riportarla in piano bagnando opportunamente il retro e tenendola in tensione contraria oppure incollando altra carta sul retro.

Ho dovuto ripassare le linee con un pennarello indelebile, per armonizzare bordi non combacianti. Ho poi passato a spatola e pennello su tutte le zone una spuma acrilica, in modo da ottenere uno spessore ed un effetto rilevato. In seguito, in diversi passaggi, ho colorato, ripassato i contorni, e aggiunto ritagli in carta e mosaici. Il risultato è questo qui.

Clicca sulle immagini qui di seguito per vedere i particolari in alta risoluzione del quadro.

 Mandala_1_Dettaglio_5 Mandala_1_Dettaglio_1 Mandala_1_Dettaglio_3 Mandala_1_Dettaglio_4 Mandala_1_Dettaglio_2

close

Diario supplementare

Diario_C_Dettaglio_33

Qualche mese di vita raccontato come un diario, un supplemento da accoppiare a Diario.
  

Titolo: Diario supplementare
Tecnica: Stucco, acrilico, olio, inserti in Das su carta e su tavola (mdf)
Dimensioni: cm 33×110 ognuno
Data: 2005

Clicca sulle immagini qui di seguito per vedere i particolari del quadro.
Diario_A_Dettaglio_7 Diario_A_Dettaglio_10 Diario_A_Dettaglio_6 Diario_A_Dettaglio_5 Diario_B_Dettaglio_19 Diario_B_Dettaglio_20 Diario_B_Dettaglio_22 Diario_B_Dettaglio_23 Diario_C_Dettaglio_33 Diario_C_Dettaglio_28 Diario_C_Dettaglio_25 Diario_C_Dettaglio_29

 

close

Diario

Diario_Dettaglio_64_Featured

Qualche mese di vita raccontato come un diario

Diario

 

Titolo: Diario
Tecnica: Stucco, acrilico, olio, inserti in Das su carta e su tavola
Dimensioni: cm 180×110
Data: 2005
Come riprodurre questo quadro in casa vostra:
Materiale occorrente per la riproduzione del quadro:
  • due numeri di D Donna e uno di altra rivista a piacere
  • 4 o 5 fotografie della propria famiglia o in assenza di famiglie altrui
  • das da modellare e colorare con colore acrilico colore Gold
  • un paio di forbici
  • una boccetta di vinavil
  • un foglio di mdf della misura opportuna
  • Pennelli e colori
Procedimento
  • ponete il foglio di mdf su un tavolo o appendetelo sul muro
  • ritagliate dalle riviste e dalle foto le parti che vi piacciono
  • componete gli inserti in das e colorateli
  • incollate i materiali sul supporto
  • colorate a piacere

Clicca sulle immagini qui di seguito per vedere i particolari del quadro.
Diario_Dettaglio_65 Diario_Dettaglio_64 Diario_Dettaglio_63 Diario_Dettaglio_61 Diario_Dettaglio_60 Diario_Dettaglio_59 Diario_Dettaglio_55 Diario_Dettaglio_54 Diario_Dettaglio_53 Diario_Dettaglio_52 Diario_Dettaglio_41 Diario_Dettaglio_38 Diario_Dettaglio_35 Diario_Dettaglio_16 Diario_Dettaglio_15 Diario_Dettaglio_14 Diario_Dettaglio_86 Diario_Dettaglio_85 Diario_Dettaglio_82 Diario_Dettaglio_79 Diario_Dettaglio_78 Diario_Dettaglio_76 Diario_Dettaglio_75 Diario_Dettaglio_73 Diario_Dettaglio_72

 

UA-12497430-2